Posts tagged eutanasia

Avanti con i diritti!

Ultimamente alcuni aspetti del sistema olandese stanno pesando sulla nostra vita, dalla sanità (per le estrazioni dei miei denti del giudizio) al pagamento delle consegne richiesto due volte, mi sembra di vedere un’altra faccia della società olandese. Certo, molto dipende dal contesto e dal momento in cui le situazioni poco piacevoli accadono e, sicuramente, anche dal modo individuale di affrontare le questioni, ma nemmeno il sistema olandese è impeccabile, pur essendo più avanzato di altri.

Sono reduce dalla seconda (e ultima!) estrazione dei denti del giudizio. È stata più impegnativa della prima perché i denti erano più in profondità nella gengiva, ma ugualmente indolore grazie all’anestesia – anche se ritengo che me ne abbiano somministrato un quantitativo maggiore in questa occasione -.
Da subito la mia guancia sinistra è apparsa notevolmente più gonfia, simile a quella di un bulldog, come se internamente, tra gengiva e guancia, ci fosse una sacchetta di cotone. Il giorno successivo, però, mi è venuta la febbre e ho iniziato a sentire i sintomi dell’influenza; allora il papiño mi ha convinto a prendere l’antibiotico, pensando di contrastare l’infezione che probabilmente si stava diffondendo nella parte operata.
Dal giorno successivo, la guancia ha iniziato a sgonfiarsi visibilmente e la febbre è passata. Ora, con le dita incrociate, attendo di riprendere le mie consuete sembianze.
Mi rendo conto che la responsabilità dei due eventi non può essere imputata a nessuno; probabilmente anche se fossi stata in Italia avrei dovuto togliermi tutti i denti del giudizio. Non conosco nemmeno quale sarebbe stato l’iter in Italia, ma, grazie ai diversi contatti familiari, credo che non sarei andata in ospedale, ma da un dentista conosciuto o consigliato, che l’indomani avrei chiamato per chiedere spiegazioni sulle conseguenze visibili dalla mia guancia. Insomma, forse l’impatto con un intervento del genere sarebbe stato meno forte se fossi stata in Italia.
Ora vedremo l’impatto che entrambe le estrazioni avranno sulle mie finanze, dato che finora l’assicurazione sanitaria non ha fatto sapere nulla riguardo al conto.. Forse attendevano solamente che le facessi entrambe!

Rimanendo sempre nell’ambito soldi, tanto caro agli olandesi, dopo la consegna di un pacco a casa, previa pagamento in contanti al fattorino, a distanza di un paio di mesi la società di trasporto chiede di pagare nuovamente la consegna.
Se c’è una possibilità di guadagnare soldi, anche illegittimamente, ci si prova, che male c’è?! Tutto il mondo è paese, d’altronde.

Come sostenevo all’inizio, i Paesi Bassi rimangono comunque un Paese avanzato. Non solo per le persone che lo costituiscono e, di conseguenza, per tutti gli aspetti sociali che lo contraddistinguono, ma anche per la legislatura laica e volta al rispetto dei diritti del cittadino (vedi la legge sull’eutanasia, o sulle unioni civili). So che qui è gia legale per una coppia omosessuale sposata adottare un bambino, anche se mi dicono che il percorso sia lungo e costoso – forse quanto per una coppia eterosessuale, ma non ho informazioni in merito -.
In Italia ha suscitato molto scalpore la decisione della Cassazione – l’ultimo grado di giudizio – di lasciare ad una madre omosessuale l’affidamento del proprio figlio, anziché darlo al padre. La situazione specifica era decisamente più complicata, ma la decisione è epocale per l’Italia.
Speriamo che sia la prima di una lunga serie.

|Aria|

Comments (1) »

eutanasia e attualità

Lo scorso venerdì 17 febbraio, in Austria, è rimasto travolto da una valanga il principe Friso, secondogenito della regina d’Olanda.
20-25 minuti sotto la neve, durante i quali il suo cuore ha smesso di battere. Si parla di 15-20 minuti di arresto cardiaco e 50 di rianimazione in seguito al salvataggio che è stato comunque tempestivo, considerando le condizioni.

Il Paese è con il fiato sospeso per la sorte del principe, i giornali non parlavano d’altro nei giorni successivi e ne parlano di nuovo da venerdì, visto che il comunicato dei medici non è confortante.
Friso è vivo, ma attaccato alle macchine e con fin troppo poche possibilità di ristabilirsi e tornare ad una vita normale, vista la sofferenza del cervello, rimasto senza ossigeno per interminabili minuti. Tutti sono rimasti molto colpiti dall’accaduto e sperano che con il proseguire dei giorni si potranno avere notizie miracolose, ma il pragmatismo tipico degli olandesi li porta anche a pensare cosa succederebbe qualora il principe non si svegliasse, qualora rimanesse vivo solo perché attaccato alle macchine, prigioniero di un coma irreversibile. La gente e i giornali si chiedono cosa farà la famiglia reale, qualora si trovasse a dover scegliere se praticare o meno l’eutanasia.
In Italia ci vuole un padre con coraggio e spirito senza eguali per riuscire a porre fine alla vita di una ragazza rimasta in coma per 15 anni, non senza conseguenze penali, peraltro. In Olanda l’eutanasia è depenalizzata dal 1994 e legalizzata dal 2000. Dal 2002  i Paesi Bassi sono il primo paese al mondo ad avere una legge che disciplina la “dolce morte”.

Si può essere contrari o favorevoli, ma credo che tutti ci siamo chiesti cosa vorremmo che facessero di noi qualora il fato, o Dio, ci portassero a trovarci a vivere attaccati ad una macchina. Personalmente, quando ho visto casi come quello di Eluana Englaro (un nome per tutti, senza voler toglier niente a nessuno), mi sono schierato dalla parte dei genitori o compagni degli ammalati che chiedevano di lasciar morire i propri cari, impotenti di fronte ad una legge che non lo permette. Vedere tutta quella sofferenza e le condizioni inumane di quelle povere persone mi ha spinto a vedere la morte come unica soluzione, necessaria e  purificatrice.

Tornando alla visione olandese dell’argomento eutanasia, in questo Paese si è andati oltre al normale concetto di dolce morte di cui tanto si è discusso in Italia, ovvero lo stop all’accanimento terapeutico. Qui l’eutanasia è intesa più come suicidio assistito. Il medico che assiste chi richiede di morire rimane un omicida ma non è perseguibile penalmente purché vengano rispettate le procedure previste dal Toetsing levensbeëindiging op verzoek en hulp bij zelfdoding (regolamento sull’eutanasia volontaria e sul suicidio assistito). Vengono quindi assistiti malati terminali senza prospettive di miglioramento che richiedono di porre fine alle loro sofferenze, così come persone che si trovano in stato comatoso in seguito a incidenti e che avevano precedentemente espresso il desiderio di rifiutare l’accanimento terapeutico, qualora si fossero trovati in situazioni limite.

A dire il vero gli olandesi non si fermano nemmeno qui.
Secondo un sondaggio della TV olandese NCRV fatto nel 2008, il 74% degli olandesi vorrebbe mettere in pratica le pillole del dottor Drion. Queste pillole, frutto solo teorico di un avvocato olandese, consistono nell’assunzione di due pillole a pochi giorni di distanza l’una dall’altra per mettere fine alla propria esistenza senza spargimenti di sangue o ulteriori sofferenze. Da somministrare solo a over 75 consenzienti e convinti nonostante ripetuti consulti con esperti. Non necessariamente malati nel fisico, ma anche solo sofferenti di solitudine o semplicemente coloro secondo cui het leven ‘mooi genoeg’ geweest is, letteralmente “la vita è stata bella abbastanza” (dove abbastanza significa “a sufficienza”).

Un concetto estremo, sicuramente discutibile, tanto umano o troppo disumano? Non riesco a darmi una risposta.

Di certo mi sembra che in Italia non si discuta nemmeno dell’argomento solo per l’insistente e onnipresente influenza della Chiesa sulle questioni terrene, come se le persone non avessero una testa per pensare e una coscienza a cui rendere conto.
Tra prostitute in vetrina, matrimoni omosessuali ed eutanasia posso dire di sentirmi decisamente lontano dal Vaticano e credo ancor di più che debba essere la gente a decidere. Del resto, se credi fermamente in Dio e/o sei assolutamente contrario alla dolce morte, sei libero di non manifestare la volontà di staccare la spina in casi estremi.
Che poi quella spina l’ha attaccata un umano e di conseguenza anche l’accanimento terapeutico dovrebbe essere visto come un voler cambiare i piani dell’Altissimo. O no?

|Ste|

Leave a comment »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: