cambio al trono

Ieri alle 17 già qualcosa si iniziava a sospettare.
Già a quell’ora si sapeva che la regina sarebbe apparsa in televisione per un discorso alla nazione.
Grosse novità per un piccolo Paese.

I più pessimisti hanno subito pensato alla comunicazione della morte di Friso, secondogenito della regina che è tuttora in coma dopo l’incidente dello scorso anno (link al post).
I più ottimisti (davvero ottimisti e, come molti olandesi, contrari o indifferenti alla monarchia) hanno sperato che la regina mettesse la parola fine alla monarchia. Ipotesi che pare subito decisamente bizzarra e contraria ad ogni logica umana.

Non si è verificata nessuna delle due ipotesi, ma l’annuncio è stato comunque di forte impatto.

spits2901Dopo 123 anni durante i quali il più importante cittadino olandese è stato una donna, si ritorna alla figura del re.
La regina ha infatti annunciato ufficialmente che abdicherà per lasciare il posto al figlio, che non ha chiamato per nome ma con l’appellativo “principe di Orange” (suono più nobile rispetto al suo nome, Guglielmo Alessandro, Willem Alexander).

Il 30 aprile prossimo, dopo 33 anni di regno, Beatrix lascerà il potere . Esattamente nella stessa data in cui, nel 1980, divenne regina. Proprio nel giorno del compleanno della madre, Juliana, che compiva gli anni il 30 aprile, data in cui si celebra ancora il giorno della regina.

Il futuro re, come la madre, non indosserà la corona, “poiché è un simbolo ecclesiastico”. E “la dinastia olandese non regna per grazia divina, ma per grazia del popolo”, dicono.
Che poi la vera libertà e partecipazione del popolo non è certo rappresentata dalla monarchia, per quanto questa sia parlamentare e quindi poco influente negli affari olandesi.

E i simboli della monarchia, sebbene non indossati, non mancano: lo scettro, che rappresenta l’autorità del re, la spada, che ne rappresenta la forza, il mappamondo, per rappresentare i territori del regno. C’è anche lo stendardo con il leone, simbolo della famiglia reale Orange. Curiosità: i re olandesi non hanno attualmente un trono; ne avevano uno, nel palazzo reale in piazza Dam, ma è oggetto di restauro.

Chissà cosa ne pensa la regina Elisabetta, vicina di regno e poco più vecchia di Beatrice, seduta su quella poltrona da 61 anni. Per non parlare dell’invidia di Carlo nei confronti del più giovane rampollo olandese.

Ma, piuttosto, chissà che ne sarà della famosa e attesa Festa della Regina, il Koninginnedag o Queen’s day, mi sono chiesto. In men che non si dica ho avuto la risposta: la festa in cui praticamente tutti gli olandesi, uniti ai turisti nelle grandi città, escono di casa vestiti perlopiù di arancione e le regole diventano un’opinione, cambierà, ma non cesserà di esistere. La festa della regina 2013 sarà l’ultima per un bel po’, almeno fino a quando Catharina Amalia non sarà abbastanza matura per prendere il posto del padre.

Ma devono star tranquilli gli amanti della festa primaverile orange, la formula di successo probabilmente non cambierà, solo il nome e la data sì: il giorno sarà dedicato al re, Koningdag o King’s day, e il giorno sarà quello del vero compleanno del re, il 27 aprile.

Non resta ora che festeggiare l’ultimo giorno della regina e attendere sabato 26 aprile 2014 (anticipato eccezionalmente di un giorno per non coincidere con la domenica), per vedere quali novità verranno apportate alla grande festa, per la prima volta al maschile. Stupiscici, vecchio!

A noi, per quanto possano essere superficiali i nostri pensieri, non avendo vissuto la monarchia, dispiace un po’ che non ci sia più una donna a capo del Regno dei Paesi Bassi, ci piaceva far parte di quella minoranza di Stati.

|Ste|

Annunci

1 Response so far »

  1. 1

    babboferro said,

    Caro Ste, mi pare che gli olandesi ci tengano parecchio alle feste; del resto non ne hanno poi tante, anche se concentrate quasi tutte in primavera. Ovviamente. Pazienza se cambia completamente il profilo della monarchia dopo 123 anni; l’importante è che la festa sia di martedì quest’anno (30 aprile), e di sabato – anzichè mercoledì 30 – il prossimo. Il martedì si può prestare a qualche ponte … olandese, ed anche il sabato non è male: ci si può scatenare senza pensieri.


Comment RSS · TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: