Natale aperto

Da diversi anni ho stabilito una tradizione natalizia, anche grazie all’aiuto del papiño.
Mi imbarazzava ricevere regali di Natale. In primo luogo perché lo consideravo un gesto consumistico e immotivato (perché mai tutti ‘dovrebbero’ ricevere/fare dei regali per una festa che ci vorrebbe più uniti anziché più ricchi?); secondariamente, non mi piaceva la frenesia che colpiva tutti coloro che ‘dovevano’ comprare i regali in tempo e dimenticavano – involontariamente – sempre qualcuno.
Così, diversi anni fa, decisi di ‘uscire’ da questo tunnel e informai tutti che non avrei più voluto ricevere regali per Natale e che non ne avrei comprati più per nessuno.
Poco tempo dopo, il papiño ed io decidemmo di trascorrere il giorno di Natale con parenti e amici, a casa nostra.
Iniziò quindi la tradizione del ‘Natale aperto‘: giorni di cottura di prelibatezze tipiche di diverse regioni, allestimento della tavola di Natale e diversi amici e parenti in visita negli orari più disparati.

L’anno scorso abbiamo celebrato l’ultimo Natale aperto in terra italiana, già consapevoli che per mantenere la tradizione avremmo dovuto spostarci.
E così è stato: quest’anno inauguriamo il primo Natale aperto ad Haarlem.
Purtroppo non ci saranno i parenti e tutti gli amici, ma ci stiamo attrezzando per le videochiamate di auguri. In compenso, saremo un bel gruppetto di ‘bisiachi lontani da casa’!
Per quel che riguarda le cibarie, invece, il papiño si è attrezzato al punto che ha traslocato con un frigo una vetrina della sua macelleria di fiducia e tutto quello che serve per un super pranzo di Natale.

Un caldo augurio di buon Natale a tutti voi!

Natale ad Haarlem

 |Aria| Ste e Babboferro

Annunci

5 Risposte so far »

  1. 2

    Olandesina76 said,

    Concordo pienamente con la tradizione del Natale aperto,bellissima idea! E con l’abolizione del regalo obbligatorio e stressato! Vi auguro un buon Natale,in ogni senso,anche culinario :) tanti cari auguri dalla Liguria!

  2. 3

    babboferro said,

    Ora che mi sto riprendendo dall’abbuffata di ieri, posso dire che mi è piaciuto molto questo primo Natale aperto in Olanda. Intorno ad una tavola imbandita si sta sempre bene, almeno noi italiani.

    Gli ingredienti erano di prima qualità: carne scelta per il brodo, come pure per il bollito e per la “salsa” alla napoletana (con tipologia e modalità di cottura diverse per le tre pietanze, ovviamente); pelati in bottiglia preparati da un caro amico campano, tortellini freschi e pasta tipica di Gragnano (“schiaffoni”), provolone piccante Auricchio; Parmigiano Reggiano ordinato a Parma ed olio d’oliva E.V. ordinato in Basilicata (entrambi via internet); “crauti” (cavoli cappucci tagliati a “julienne” e marinati in aceto), “brovada” (barbabietole tagliate a “julienne” e marinate nelle vinacce), salsicce “di cragno” (affumicate) e “musetto” (cotechino insaccato in budello a – mo’ di salsiccia, per intenderci). Tutti ingredienti tipici del nordest, prodotti a km zero (da Monfalcone). E – naturalmente – vino del collio goriziano a volontà.
    E – per finire – pandoro, panettone, macedonia e gelato; oltre all’immancabile caffè (italiano) e la grappetta friulana di mosto di Ramandolo per finire: gradito e prezioso regalo personale di Manu.

    Le cotture sono state dalle quattro alle dodici ore per pietanza, concentrate in due giorni e mezzo di impegno in cucina, ma il risultato è valso ampiamente la pena a detta di tutti (noi tre più i tre ragazzi italiani che vivono in Olanda da tempi diversi).

    Siccome ero (e sono) il più vecchio del gruppo, oltre che cuoco e dispensiere, confidavo subdolamente in una classica tombola o mercante in fiera finale, per raggranellare qualche soldino.
    Niente da fare: hanno optato per un paio di partite di un complicato gioco di dadi (senza soldi), e sono comunque risultato ultimo.

    Confido che l’anno prossimo – magari fiaccando i ragazzi con un pranzo più ricco – ci sia la possibilità di recuperare.

  3. 4

    Luca, Manu & 8 said,

    Che menù!! Che menú!!
    E’ stato davvero davvero un peccato non poter essere passati a questo super Natale Aperto italiano in Olanda!!! Porcu Dighel!!! Chissà magari farete scuola!
    Sarebbe bello riuscire ad aggiungerci l’anno prossimo alla tavolata portando qualche prodotto veneziano o milanese o calabro da aggiungere alla tavolata! 8 sicuramente apprezzerebbe più di me [Luca] tutte le prelibatezze cucinate con pazienza ed amore da Babboferro e quindi nessuno opporrebbe resistenza! Sarà una gara tra primo Natale a Grosseto contro primo [per noi ovviamente] Natale ad Haarlem!
    Sarà una bella lotta anche se il freddo olandese peserà maggiormente sulla bilancia anche perché se fa frech [come dicono qui a Milano] si mangia di più, o no?
    Caro Babboferro se si verrà avrai una spalla in più per spingere su giochi di carte a soldi, tipo mercante in fiera o 7 e mezzo, che da tradizione qui a Milano mi vedono sempre impegnato, come perdente ahimè, così magari potresti avere qualcuno da spennare. Poi di solito arrivo ai giochi abbastanza brillo, per no dire ubriaco, quindi dimentico in fretta le somme perse e gioco con maggiore spensieratezza!

    Tanti Tanti Auguri a voi tutti Olandesini nuovi o meno nuovi!
    Ho ancora la bava ripensando a cosa avete mangiato e l’invidia mi passerà credo solo dopo il 31, forse.
    Un abbraccio grande grande e a presto
    Saluti
    Luca [a Milano] Manu [a Torino] & 8 [sempre in Giudecca]

  4. 5

    Diego e Bina said,

    Di ritorno da una settimana con la linea telefonica guasta =_= eccomi qui a leggervi e ad augurarvi un Felicissimo natale trascorso e un prossimo anno meraviglioso!!
    Per restare nell’argomento del post, io faccio sempre i regali a pochi intimi, con gli altri ci si vede e giù di dolcetti e prelibatezze fatte in casa!
    con degli amici per qualche anno escogitammo il “raduno prenatalizio”: cena economica, tanto vino ed ognuno portava un regalino solo che sarebbe stato donato tramite estrazione ad ogni altro. in questo modo tutti ricevevano un regalino, e non vi dico la genialità dei regali: massaggiatori per la testa, calzini con le renne, calamite sfiziose, calendari improbabili…
    insomma, il sistema ha funzionato per un bel pò!

    Buon proseguimento ragazzi, e teneteci aggiornati!!


Comment RSS · TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: