L’efficienza prima di tutto

Che i Neerlandesi siano un popolo piuttosto pratico, è cosa risaputa. Sono lavoratori scrupolosi, zelanti e sono poco inclini a non lavorare (per scioperi, malattie, …).
Soprattutto durante il primo contratto di lavoro (generalmente di 6 mesi, inclusa la prova, tutto pagato ovviamente), la presenza è uno dei fattori che vengono considerati di più nella valutazione del lavoratore.
Apprezzo tutte queste caratteristiche, ma devo confessare che generalmente manca la creatività -tutta italiana, secondo me-.

Per raggiungere il luogo di lavoro prendo un treno da Haarlem e una metropolitana da Amsterdam Sloterdijk; per il ritorno, stesso percorso al contrario. Ho deciso quindi di fare un abbonamento mensile al treno insieme ad uno per la prima zona della metropolitana: più conveniente che utilizzare solo il mio sconto annuale (dopo le 9:00 nei giorni feriali) sui treni.
Con mia somma sorpresa, l’impiegata delle NS mi ha informato che l’abbonamento ai mezzi urbani era valido sia per la prima zona della metro da Sloterdijk, sia per la prima zona degli autobus dalla stazione di Haarlem. Praticamente, con un unico abbonamento mensile, posso usufruire di un servizio da parte di 2 gestori: GVB (Gemeentelijk VervoersBedrijf, l’azienda municipalizzata trasporti), che si occupa dei mezzi urbani ad Amsterdam, e Connexxion, che ha lo stesso compito ad Haarlem.
Ne ho parlato con una collega al lavoro, le ho detto della mia sorpresa per il doppio servizio ad un unico prezzo e lei, che ha vissuto all’estero per diversi anni, ha demolito il mio entusiasmo raccontandomi che in altri paesi europei vale la stessa procedura. Sai com’è, quando si arriva dalla provincia italiana..

Qualche mattina fa, quando sono arrivata alla banchina della metro c’era tantissima gente ad aspettare; quando è sopraggiunto il mezzo, la maggior parte delle persone è entrata, stipandosi come in una scatola di sardine.
La metro, però, non si è mossa; anzi, le porte si sono chiuse, ma si sono spente le luci. Dopo un paio di minuti di apri/chiudi le porte e dopo che più di qualcuno ne era uscito, abbiamo sentito un annuncio che informava di prendere il ‘treno’ sull’altro binario. Proprio sul binario a cui arriva sempre la metro che mi porta a Sloterdijk, alla fine della giornata lavorativa; ci stavano informando che proprio da lì stava arrivando la metro che ci avrebbe portato in direzione opposta (rispetto al consueto).
Con un po’ di timore, ho preso la metro come tutti e non è successo niente altro di particolare.
Mi sono stupita, però, della velocità con cui hanno risolto il problema, senza farsi prendere troppo dal panico.
Ogni tanto dimentico di vivere nei Paesi Bassi, uno dei paesi europei più efficienti.

|Aria|

Annunci

7 Risposte so far »

  1. 1

    Bina said,

    Esiste, di fronte all’efficienza, un’espressione di stupore tutta nostra, simile a quella di un bambino maori nel vedere azionarsi un ascensore…ed è un’espressione che ci contraddistingue, così come ha contraddistinto me quando ho fatto proprio quell’espressione li nel vedere, pensa un pò, che un automobilista si fermava prima delle strisce pedonali (non dopo e non sulle,) per farmi passare! la signora affianco a me ha capito subito che ero italiana =_=

    una lancia in favore dell’italia però la voglio spezzare: qui nel Lazio esiste un abbonamento metrebus (annuale o mensile) con il quale, in base ad una suddivisione per zone, puoi usufruire delle linee cotral che dalla provincia ti portano a roma e viceversa. all’interno del comune di roma, con lo stesso abbonamento, puoi usufruire di tutte le linee metropolitane (ops, son solo 2) e di tutti i mezzi pubblici che circolano nel comune.

    certo è che l’efficienza dei mezzi pubblici olandesi non ha nulla a che vedere col nostro…soprattutto con quello Romano.

    Buon proseguimento ^_^

    • 2

      babboferro said,

      Gentile Bina hai ragione: nemmeno io sono stupito delle meraviglie (?) che capitano all’estero a noi provinciali (?).

      Anche nel nostro sventurato Paese ci sono cose che funzionano bene. Ma qualche differenza resta comunque.

      Innanzitutto il prezzo: in Italia il servizio costa sempre meno che all’estero, a parte Portogallo, Spagna ed Ungheria; in Grecia non ho ancora provato, ma vorrei provare. Come pure a Cuba.

      La differenza che ho sempre riscontrato è un’altra: in altri Paesi (a parte Cuba) ci si aspetta che il Servizio funzioni. Non è così.

      Da noi (intendo in Italia) il Servizio non funziona per motivi (per lo più) incomprensibili. E non si sa perchè.

      Mi sono trovato anni fa alla Stazione degli Autobus di Latina e cercavo un bus per Velletri: nessuna informazione. Nemmeno da individui in divisa che si fumavano la cicca in pausa: un caso (per me handicappato) inaccettabile.

      • 3

        Diego e Bina said,

        Oh babbo, so bene di cosa parli, non ho l’automobile, il ché lascia intendere benissimo quali siano le mie avventure quotidiane. giorni fa ho dovuto spiegare all’autista qual’era il percorso dell’autobus, perchè lui stava facendo una sostituzione e non era della zona O.o
        Molto spesso però mi vien criticato di vedere solo il peggio del mio paese, e mi è presa una sorta di mania nel cercare cose positive laddove gli altri vedono solo negatività. Forse mi sto trasformando nell’italiano medio rassegnato.
        Comunque, se prima il servizio (scadente) perlomeno costava poco, adesso, come sai, si è diffusa la mania di fare proposte di legge che ci avvicinano ai nostri vicini europei solo per un lato della medaglia.
        Adesso i prezzi dei biglietti aumenterà perchè “è il più basso d’europa” e però il servizio rimarrà scadente perchè….già, il perchè non si saprà mai, come hai finemente notato tu. La qualità del servizio è il
        lato della medaglia che a quanto pare non interessa a chi sta in poltrona.

        buona serata :-)

        ps: non mi sottovalutare la meraviglia del poter attraversare le strisce sicuri di sopravvivere… :)

        Bina

  2. 4

    segreti said,

    anche io abitavo in olanda e rimanevo spesso colpito dall’efficienza. grande paese l’olanda.

  3. 5

    Auro said,

    Eh si, come efficenza qui da noi lasciano a desiderare! E non solo per quello. Mi piacerebbe un vostro aggiornamento sull’argomento “crisi”. Mi spiego: oggi giornata strana, abbiamo ricevuto 2 telefonate dall’Olanda da amici che ci vivono (olandesi, non italiani), e parlando del più e del meno, entrambi (PS:non si conoscono tra di loro :-)) ci hanno messo in guardia su nostro proposito di trasferirci. Hanno spiegato che anche in Olanda la crisi inizia ad essere forte, e che forse forse non facciamo un affare a mollare tutto…. Seppur giornata di festa, oggi siamo qui pensierosi più che mai…. Ciao!
    Auro

    • 6

      Aria said,

      Ciao Auro!
      Bella l’idea di un approfondimento sugli argomenti: vedremo se riusciremo a metterlo in pratica.
      Intanto, per quel che riguarda i commenti dei tuoi amici olandesi, ricorda che probabilmente loro non hanno altro termine di paragone; mi spiego meglio: ho trovato diversi olandesi che si lamentavano della burocrazia olandese, che, paragonata a quella italiana, è snellissima. Quelli che se ne lamentavano, ignoravano però come fosse negli altri stati europei; io invece, avendo vissuto perlopiù in Italia, avevo/ho un termine di paragone.
      La crisi attuale è molto sentita in Europa, ma è mondiale, quindi le ripercussioni si sentono ovunque. Da parte dei Paesi Bassi viene generalmente attuata una politica di ‘severità’ nei confronti degli stranieri in cerca di lavoro (vengono prediletti -giustamente- gli olandesi), ma rimane comunque un Paese con un PIL superiore al proprio debito pubblico (non al di sopra del 100%, come in Italia) e con una disoccupazione attorno al 5% (e non mediamente al 20%, come in Italia).
      Bisognerebbe capire meglio in cosa consistano le ripercussioni tangibili della crisi olandese di cui parlano i tuoi amici.
      Da parte mia (magari perché sono fortunata e sono piuttosto volenterosa), questo continua ad essere lo Stato dove sto realizzando i miei obiettivi di una vita dignitosa.
      Grazie dello spunto.
      Tot gauw!

  4. 7

    Olandesina76 said,

    Ciao Aria :) sono appena rientrata dal mio ennesimo viaggio in Olanda e come sempre ho lasciato un pezzo di cuore.. Ad ogni giro spero di riuscire ad avvicinarmi un pò di più alla meta : convincere il mio compagno a trasferirsi. Concordo su tutto ciò che hai detto. La crisi è crisi un pò x tutti ma se nn hai un termine di paragone risulta difficile essere obiettivi. In questo mio viaggio ho avuto l’enorme piacere di incontrare persone,italiani,conosciuti sui blog e che vivono li,come te e Stefano. Sono stata a Den Haag,bellissima,e ho preso il tea a casa di Roberta e Paolo,loro vivono li da tre anni,lui è un musicista e in Olanda riesce a vivere del suo lavoro,lei è una cuoca strepitosa,hanno potuto ottenere un mutuo e hanno comprato una casina che è un ammore in un quartiere favoloso allo stesso prezzo di quella che il mio compagno ha comprato in un paesino della campagna toscana..molto più piccola però..e io non trovo lavoro in Italia :-( pooi ho conosciuto Sara,che ha la mia età,35 e vive,in affitto per ora,nel Jordan ad Amsterdam,condivide una casa nel quartiere più bello di Amsterdam,allo stesso prezzo che pagavo io per una singola escluse spese nella periferia di Firenze,lavora in un pastifico,solo 4 giorni a settimana e prende lo stesso stipendio che hanno offerto a me per lavorare 5 giorni a più di un ora da casa e molte più ore,ovviamente da precraia e ovviamente straordinari non pagati.. Io non so se prima si stava anche meglio in Olanda,ma so che anche adesso è sempre meglio dell’Italia. In ogni caso Aria,ci vuole,come dici tu,sempre spirito di sacrificio e voglia di mettersi in gioco. Un abbraccio.


Comment RSS · TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: