spagna olanda

All’inizio si era detto Spagna.

L’idea di fuggire verso il Paese Iberico ci ispirava infatti più che l’opzione olandese quando ancora fantasticavamo sulla nostra partenza dall’Italia. Un clima ben più mite, una lingua molto più facile (oltre che conosciuta, visti i corsi frequentati da entrambi), una tradizione culinaria decisamente più invitante e simile ai nostri gusti. Poi, quando dai sogni si passò a parlare più seriamente, eliminammo la Spagna dalle possibili destinazioni per motivi economici ben noti, che vedono il Paese spagnolo ai peggiori posti della classifica europea. Il dato più preoccupante riguarda la disoccupazione: tra il 2008 e il 2009 gli spagnoli senza lavoro sono passati dal 12% al 18%, per arrivare al 20,5 di oggi. Quanto basta per decidere di tentar fortuna molto più a Nord, con qualche maglione in più ma anche con maggiori possibilità di riuscire a pagarsi un tetto sopra la testa.

La Spagna rimane tuttavia un posto che mi affascina molto, dove mi trovo a mio agio. Soprattutto la zona costiera che va da Est a Sud, da Valencia fino all’Andalusia. Le persone sono spesso alla mano e calorose; gli splendidi colori del paesaggio ricordano quelli del meridione italiano, con la terra spesso arsa dal sole ed essiccata dalle interminabili giornate senza nuvole.
Di recente siamo andati per una breve vacanza nella più grande delle Isole Baleari, Mallorca. Nonostante il bilinguismo tra Castigliano, lingua ufficiale dello Stato spagnolo, e Catalano (una lingua abbastanza diversa dalla prima, priva dei suoi tipici e dolci suoni), l’isola ha gli stessi tratti caratteristici della Spagna continentale che già conosciamo.

Anche durante questa vacanza ho apprezzato le temperature più che gradevoli e il buon cibo mediterraneo, ma questa volta ho notato più del solito anche quello che di meno gradevole si trova nel paese di Zapatero, che sarà Primo Ministro ancora per un paio di mesi.
Non riuscire a dormire, chi mi conosce sa quanto sia pesante il mio sonno, per colpa di una comitiva di teenager ubriache sotto l’hostal (una via di mezzo tra Hotel e B&B, molto diffuso in Spagna) alle 2 di notte, non mi è mai capitato in Olanda. Come dover prendere un taxi perché, dopo aver atteso un bus per almeno un quarto d’ora, lo vediamo passare davanti a noi senza fermarsi forse poiché pieno di gente. O scontrarsi con la scortesia di molti commessi, anche questa cosa accade raramente dove viviamo adesso. Ultima ma non meno importante è l’aria che si respira in una città grande ma non enorme come Palma de Mallorca, piena di smog e nemmeno comparabile con quella di Amsterdam che di abitanti ne ha almeno il doppio (e la cui densità di popolazione corrisponde a tre volte quella della città balearica).
Alla fine ci siamo goduti la vacanza comunque, ma riconosciamo la superiorità dei Paesi Bassi in quanto a qualità della vita e siamo soddisfatti della nostra scelta, ci piace l’ordine e il rispetto che vediamo in Olanda.
Sono i pensieri che ci siamo scambiati appena seduti sull’aereo RyanAir Palma di Maiorca – Eindhoven, poi l’aeromobile ha iniziato a correre sulla pista e si è staccato da terra, mentre noi continuavamo ancora per qualche momento a guardare i colori tipici del paesaggio attraverso gli oblò, iniziando già ad avvertire un po’ di nostalgia.
Qualche minuto più tardi ci siamo trovati più vicini al sole, più alti delle poche nuvole che transitavano sopra il Mediterraneo. Un paio d’ore dopo, siamo scesi di quota e abbiamo sentito la fatica che l’aereo faceva a bucare i nuvoloni gonfi di pioggia che sovrastavano il cielo del Noord Brabant. Giusto il tempo di toccare terra e abbiamo avuto la conferma di ciò che già si sospettava: una quindicina di gradi in meno, vento notevole e qualche gocciolina di pioggia.

Forse faticare a dormire a causa di caldo e schiamazzi è meglio che aver bisogno di porre due coperte una sull’altra il 29 di agosto per non battere i denti dal freddo quando ci si corica.
Sicuramente non esiste un luogo realmente perfetto per vivere, l’ideale sarebbe vivere e lavorare al nord per andare poi a svernare in Spagna quando in Olanda arriva l’autunno e l’interminabile inverno.

Ci stiamo lavorando..

|Ste|

Annunci

2 Risposte so far »

  1. 1

    German said,

    Gracias por tus comentarios sobre la España Ste. Yo he aprendido aquí en Holanda muchisimo mas italiano que holandés. Regresaré a España algún día diciendo que aprendí en Holanda mas Italiano que holandés. jajajajajajjaja.
    Bravo, y Viva la bellisima Italia. Una llingua piú facile, y un clima y gastronomía molto similare a la spañola.
    Un abrazo

  2. 2

    Olandesina inside said,

    Mi piace tanto leggere il tuo blog,mi riempie,anche io amo la Spagna e parlo bene lo spagnolo,quasi meglio dell’Inglese,ma non mi sono mai sentita italiana nello spirito e quindi nemmeno olandese,forse dentro di me cè un anima fiamminga…o un residuo teutonico…non lo so..
    Ma fatto stà che adoro l’ordine,le regole,il rispetto e per questo l’Olanda è il mio paese del cuore,ho apprezzato subito il silenzio della notte,la puntualità dei tram e dei treni,il poter girare ovunque con la bici…cose che quì in Italia sono impossibili…


Comment RSS · TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: