Questione di cultura

Premetto l’ignoranza e l’umiltà da parte mia nell’avvicinarmi a questo tipo di discorso. Per nascita e formazione sono oltremodo rispettosa della cultura altrui, intesa come insieme di credi religiosi e non, contesto culturale e familiare, formazione di studio ed esperienza personale: non mi permetterei mai quindi di considerare più o meno valida una cultura rispetto ad un’altra.
Sono, però, una curiosa osservatrice e vorrei che, chi ne sa più di me, arricchisse questo articolo con le tante informazioni mancanti.

I Paesi Bassi sono suddivisi culturalmente in 2 parti: quella settentrionale, di tradizione più calvinista, e quella meridionale, più cattolica.
Da italiana mi aspetterei quindi che al sud venissero festeggiate le stesse ricorrenze cattoliche che vengono osservate in Italia. Non è così; tutti i Paesi Bassi celebrano molte più festività ‘cattoliche’ rispetto all’Italia. Ad esempio, quest’anno si festeggiano: Goede Vrijdag (Venerdì Santo, 22/04), Hemelvaartsdag (Ascensione, 2/06), 1e e 2e Pinksterdag (1° e 2° Giorno di Pentecoste, 12-13/06).
Ho vissuto per 30 anni nella cattolica Italia, ma non ho mai osservato queste ricorrenze.

Diverse persone mi hanno detto che nei Paesi Bassi la differenza culturale tra nord e sud si nota principalmente nel modo di vivere delle persone. Sembra che i decenni (?) di calvinismo abbiano sedimentato un senso comune e condiviso di ‘non godimento’ della vita, cioé di riduzione al minimo dei consumi/bisogni personali, e quindi collettivi.
Per intenderci meglio, se conoscete un olandese con una nonna del nord e gli chiedete qualche racconto dell’infanzia, vi dirà che la nonna gli dava un solo biscotto a merenda, perché era sufficiente.
Al contrario, se chiedete a qualcuno con la nonna del sud, probabilmente vi dirà che gli veniva offerto un piatto di biscotti e che gli era permesso scegliere quantità e forse anche tipo.

Penso che attualmente la situazione sia molto diversa nelle grandi città, mentre i piccoli centri siano rimasti più legati alle tradizioni. Le città sono ospitali per gli olandesi, ma anche per gli emigrati; e dato che questi sono tanti, di diverse culture, la tranquilla convivenza è necessaria.
Personalmente, la ritengo una ricchezza per qualunque Paese faccia questa scelta con rispetto di tutte le parti.

Mi permetto di notare il vago attrito tra un forte radicamento cattolico (o calvinista, forse in questo caso sono vicini) ed uno Stato in cui la prostituzione è legale ed altrettanto dicesi per i matrimoni tra omosessuali.
Personalmente, mi fa un po’ ridere, ma solo perché nei Paesi Bassi la legalità di entrambe le tematiche non è messa in discussione.

|Aria|

Annunci

2 Risposte so far »

  1. 1

    Auro said,

    Hai fatto una bella constatazione che non avevo mai notato per la verità. In particolare in tema di legalità e diritti penso ci sia proprio da imparare! Io invece ho notato mooolte differenze tra Ovest (Nord Holland) ed Est (Friesland), posto quest’ultimo dove non andrei MAI a vivere! Abbiamo parenti in entrambe le zone e quindi un poco le frequentiamo. Ciao, magari una delle prossime vi risponderò direttamente da AMS! Auro

  2. 2

    babboferro said,

    A conferma della tua osservazione finale – cara Ari -, nel passato l’appellativo di ‘calvinista’ ha avuto sia valore positivo che negativo. E non c’é da stupirsi.

    Visto che la caratteristica principale delle chiese “riformate” é la “parola di Dio”, cioè la Bibbia (sia il vecchio che il nuovo Testamento), le stesse si presentano come una sorta di “fondamentalismo” cristiano. Con gli inevitabili pro e contro.

    I Padri Pellegrini che partirono dall’Inghilterra nel settembre 1620 a bordo del Mayflower, sono considerati i fondatori della prima vera colonia nel Nuovo Mondo.
    Non si trattava di sacerdoti, ma di 102 comuni cittadini (comprese donne e bambini) di religione ‘cristiana puritana’. Una delle c.d. “chiese riformate”, appunto.

    Tra il viaggio ed il rigido clima invernale che trovarono nella regione – battezzata New England -, ne morì circa la metà. Ma i superstiti si diedero da fare: fecero amicizia con una tribù di nativi del luogo, aiutandoli a coltivare il mais, e già l’anno successivo ottennero un ottimo raccolto. Quella prima festa di fine raccolto (Thanksgiving Day) fu dichiarata in seguito Festività Nazionale in USA e Canadà (con date diverse; comunque sempre fra Ottobre e Novembre).

    Fanno da contraltare a questo idillico quadretto le manifestazioni di fanatismo e violenza da parte di questi eredi del calvinismo nei secoli successivi. Perfino un re d’Inghilterra (Carlo I) fu decapitato, per non parlare delle varie sette fanatiche e razziste che continuano a far parte del variegato popolo degli Stati Uniti.

    Per tornare all’osservazione di Ari; la contraddizione é solo apparente.
    Gli appartenenti alle c.d. “chiese riformate” (e quindi anche i calvinisti), sono convinti che l’uomo debba ispirarsi alla Bibbia come guida morale, e modellare la sua vita seguendo l’insegnamento divino. Riconoscono l’esistenza del peccato, ma non la confessione personale a scopo di redenzione (per inciso, dal 1973 la Chiesa Cattolica Romana riconosce valore anche ad altre pratiche).
    Siccome il Calvinismo sostiene fermamente, da sempre, la separazione fra Stato e Chiesa e la libertà di culto (essenziali per la sua sopravvivenza), ecco che l’unica forma di governo desiderabile é la democrazia. Non si può infatti affidare il potere ad un uomo solo, in quanto comunque peccatore quanto gli altri.

    In fondo il calvinismo é nato in Svizzera, dove il referendum popolare é ampiamente praticato, come si sa. Magari gli svizzeri esagerano un po’ con il concetto calvinista di operosità arrivando allo sfruttamento, ma nessuno é perfetto a questo mondo. Comunque la libertà personale é fondamentale.
    E di conseguenza tutti devono rispettare le regole di convivenza civile.

    Per concludere: nell’Olanda di oggi vedo una maggiore contraddizione tra calvinismo e razzismo, che tra il primo e la libertà sessuale.
    Io faccio il tifo per quest’ultima, come tutti i pacifisti convinti.


Comment RSS · TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: