La Gazelle ritrovata

Si è già sparsa qualche voce sul felice ritrovamento.
Una mattina, entrando in stazione ad Haarlem, Ste si ferma a guardare una bici lucchettata davanti all’entrata e mi chiede: “Ma questa non è la tua bici?”. Un po’ incredula mi soffermo ad esaminare e noto quello che è rimasto del campanello (rotto più di un mese fa), il pedale che Ste mi aveva cambiato, il cavalletto rotto ormai da mesi (non hanno speso nemmeno per aggiustarla un po’!!): era proprio Gazelle.
Noto che invece hanno speso per il lucchetto, di quelli comuni in metallo a cerchio, impossibili da tagliare se non con utensili non propriamente domestici.
Ste non si perde d’animo e mi convince a legare Gazelle con le nostre altre 2 bici, per spostare la questione al ritorno dal lavoro.
Dopo averla portata faticosamente a casa, Ste si è messo a segare il lucchetto con l’apposito seghetto; ma ha faticato tanto per un risultato davvero misero, dato che il tondino da sezionare è pieno.
Non trovando nessun modo o suggerimento su come risolvere il problema tranne quello di andare alla polizia, alla fine l’abbiamo seguito.
Prima di arrivare, ci preoccupavamo di dover spiegare che la bici fosse mia, dato che non ricevemmo nessun documento di vendita, quando Ste me la regalò più di un anno fa.
L’impiegata del comando di polizia ci ha candidamente detto che loro non si occupano di queste cose e ci ha suggerito di andare in un negozio o da un meccanico e farcela aprire con un tronchetto. Ci ha anche avvisati che forse avrebbero potuto pensare che avessimo rubato la bici. Gentile, la poliziotta.
Abbiamo fortunatamente trovato un negozio dove affittano questo tronchetto, quindi abbiamo preso appuntamento dato che al momento era occupato. Nei prossimi giorni dovremmo avere buone notizie.

Sono ancora abbastanza stupita di aver ritrovato Gazelle, proprio davanti all’entrata della stazione, uguale a com’era quando me l’hanno rubata, come se non fosse successo nulla a parte il super lucchetto a prova di tutto.
Grazie a Ste l’abbiamo recuperata perché forse io non avrei avuto il coraggio da sola di riportarla a casa.

Prosegue la latitanza/vacanza del router che ci unisce ai nostri vicini; abbiamo trovato una soluzione alternativa però non è sufficiente per le nostre abitudini italiane, quindi prendiamo quello che riusciamo condensato in poco tempo.
E poi, durante le ferie, io non mi sento di garantire l’edizione.
Comunque vi terrò informati sulla storia infinita di Gazelle.

|Aria|

Annunci

1 Response so far »

  1. 1

    babboferro said,

    Secondo me dovevate indossare la mascherina nera e le magliette rosse della BB disneyana. Io mi sarei proposto come Commissario Basettoni(o Barboni) per coprirvi.

    Un Topolino era già in casa.

    Poi bisognava assicurarsi un Tom Cruise che si calasse dalla finestra con una lancia laser per fondere il lucchetto. Nessuno ci avrebbe fatto caso nella discreta Olanda.


Comment RSS · TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: