né troppo né troppo poco

 

immagine di protesta.

immagine di protesta.

Signore, signori, dames, heren..ecco a voi il primo post in cui finalmente si parla un po’ male degli olandesi.

Mercoledì mattina, come gli altri giorni, siamo arrivati in stazione pochi istanti prima del treno per Amsterdam, abbiamo fatto i soliti due biglietti di andata e ritorno con lo sconto del 40%, grazie alla famosa tessera di Aria (sconto valido per il portatore e tre amici che viaggiano con lui), e siamo saliti sul solito treno delle 9 e 06.

Come altre volte è accaduto, io mi sono trattenuto al lavoro più a lungo rispetto ad Aria e anche questa volta avremmo preso due treni diversi per tornare a casa a fine giornata.
Alle 19 e 30 esco dall’ufficio e mi dirigo verso la stazione, oggi in autobus perché piove, dove arrivo quando mancano cinque minuti alle venti. Il treno delle 19.57 è lì che mi aspetta, ma non posso né voglio salire perché il biglietto di ritorno che ho è con la riduzione e solo Aria al momento possiede la tessera. Attendo il mio turno alla macchina dei biglietti, tocca a me, faccio un altro biglietto con sconto del 40% di sola andata e procedo nel menù, ma tra codice pin e tasto conferma si chiudono le porte del treno.
Prenderò quello successivo, alle 20.10.
Così vado a sedermi nello scompartimento del treno per Breda e attendo i minuti che mancano alla partenza leggendo, parole grosse, una copia del metro, classico giornale gratuito presente in molte grandi città europee, qui in Olanda si trova in due edizioni: Amsterdam e Rotterdam. A seconda della provenienza del treno che prendi, si trovano copie della rispettiva edizione. Basato un po’ sulla fortuna ma a caval donato non si guarda in bocca, in ogni caso.
Con la solita precisione nordica, il treno in perfetto orario faticosamente parte in direzione Haarlem.
Quando siamo a non più di cinque minuti dalla mia destinazione, fanno la loro comparsa all’interno dello scompartimento due controllori. Come sempre accade quando torno da solo, do al controllore due biglietti anzichè uno, per dimostrare che ho pagato il 120% (60+60) del biglietto. Di solito non mi dicono assolutamente nulla, qualche volta semplicemente obliterano entrambi i biglietti. Stavolta no. Stavolta il puntiglioso controllore mi ha chiesto di vedere la mia tessera sconto, io gli ho raccontato la storia della mia vita, il ritorno non previsto da solo, guardi ne ho presi addirittura due
Dalla fila accanto alla mia parla d’un tratto un signore sulla sessantina.
“È con me!” dichiara il gentile signore sventolando la tessera sconto uguale a quella di Aria. Il signore ce la mette tutta e aggiunge “È mio amico, viaggia con me!”, lo fa addirittura in inglese per parlare come avevo parlato io (quando le cose si fanno più problematiche non provo nemmeno a parlare in olandese..). Come accade in Italia con i Carabinieri, uno dei due era per la convalida del mio biglietto ma l’altro aveva già deciso di spillarmi la multa e non voleva sentir parola. Nel frattempo siamo arrivati ad Haarlem e i due controllori mi hanno atteso mentre prelevavo i 35 € di multa, piú il costo di un ulteriore biglietto al 100% Haarlem-Amsterdam. Il gentile signore di prima mi saluta, maledicendo le regole come più di qualche volta ho sentito fare dagli olandesi (la differenza rispetto ad altri popoli, è che se ne lamentano mentre le rispettano in quanto regole).
Alla fine mi faccio dare un indirizzo al quale mandare il mio disappunto e ho deciso che invierò la mia disperata richiesta di un rimborso.
La cosa che più mi ha dato fastidio è stata l’insistenza del controllore nel ripetermi che le regole sono regole e che lui le stava solo facendo rispettare. Dal mio canto non smettevo di ripetere che adoro le regole e che ho fatto di tutto per rispettarle. Vi farò sapere la risposta che avrò dalle ferrovie olandesi, alle quali sto per mandare un corposo dossier compreso di transazioni bancarie, biglietti in originale e foglio excel in versione “per stupidi”.

A conti fatti ho preso la multa per aver pagato troppo un biglietto. Maledetti certi precisetti olandesi..

|Ste|

Annunci

3 Risposte so far »

  1. 1

    Alan Franzoni said,

    mai contento :-)

    purtroppo ti è “andata liscia” altre volte… se alla prima volta ti avessero contestato il tutto dicendoti che era irregolare, non ti ci saresti mai più arrischiato.

    Un salutone dall’Italia!

  2. 2

    babboferro said,

    Ci dev’essere una soluzione ragionevole. L’ho trovata anche per sosta della mia venticinquenne (automobile). Olanda aspettami!

  3. 3

    babboferro said,

    … anche per LA sosta …


Comment RSS · TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: